Terzo e quarto livello

ATRIO SUPERIORE O SALA (“LOSA”):

Si tratta di uno spazio di disimpegno molto ampio, in origine completamente voltato secondo un modello costruttivo che si ripeteva ad ogni piano, nettamente distinto dagli altri locali del castello. Era utilizzato come deposito e per l’accesso ai piani superiori e a varie stanze. In particolare salendo dalla scala si trovavano a sinistra l’ampia cucina e la dispensa, subito dopo era invece possibile accedere al soggiorno (“stua”) e da lì alla camera padronale e ad altri locali. Inoltre a nord, presso la partenza della rampa scale di accesso al quarto livello, si trovava la porta di entrata della legnaia. A questo piano era pure collocato l’argano. Qui infatti trovavano alloggio i meccanismi in legno necessari al sollevamento dei cibi, della legna e dell’acqua che dal cortile venivano facilmente portati alla cucina, alle dispense e ai depositi. L’argano era inoltre dotato di un rinvio per il piano superiore. In entrambi i piani, in prossimità dello sbarco delle merci esisteva una porta provvista di terrazzino. Sulla parete a sud sono ben visibili la sede di alloggiamento dei meccanismi e una doppia scatola lignea utilizzata per lo scorrimento delle corde. All’esterno, sulla parete ovest, risultano conservati alcuni elementi dell’ingegnosa attrezzatura.

Atrio-superioreIMG 6699
Argano 2Ruota


CUCINE:

Si tratta di due cucine sovrapposte dotate di canne fumarie indipendenti ma accoppiate in un unico camino. Sono le uniche zone di governo dei fuochi presenti all’interno della rocca. I due locali, interamente costruiti in muratura di pietrame, erano infatti utilizzati sia per la cottura dei cibi che per l’alimentazione delle stufe di camere e soggiorno. Di fatto il setto murario che le separava dalle attigue camere costituiva una sorta di parete scaldante, di irraggiamento del calore prodotto dal fuoco e dai condotti fumari. A questo livello si notino: - a nord l’accesso alla dispensa; - a est lo scarico del secchiaio e la base del “larin” sotto la cappa; - a sud i luoghi di alimentazione delle stufe. Al livello superiore si notino i fornetti per il pane e il doppio camino.

CucineImmagine 368
image118image116


SOGGIORNI (“STUE”):

Le “stue” del castello erano situate a ridosso della cucina in modo da poter essere facilmente riscaldate con uso di una stufa tradizionale in muratura (“fornel”) che possedeva ampie dimensioni e la forma di un sarcofago. Tali stufe erano generalmente completate con un’intelaiatura in legno, soprastante lettino e panche laterali. Venivano alimentate direttamente tramite apposite “bocche” poste nelle cucine in modo che nella “stua” non ci fosse presenza di fumo ma solo propagazione di calore. Si tratta di locali disposti a sud, ben soleggiati dalle ampie finestre munite di doppia seduta, ingrandite durante le trasformazioni di tipo residenziale avvenute nel XVII e XVIII sec. Le “stue” erano completamente foderate in legno e permettevano l’accesso ad altri locali posti a sud ovest.

Soggiorniimage128
Foto agosto 2010 035Soggiorni 4


CAMERA DEL CAPITANO:

La stanza, utilizzata come camera padronale, era provvista di servizio igienico separato (vedi la latrina a caduta ricavata in corrispondenza dell’arcera medievale). Inoltre la camera era dotata di ampie nicchie per l’incasso di armadi ed arredi mentre il soffitto doveva essere in legno di cirmolo. Sull’angolo sud-est, a pavimento, compare l’ultima traccia del piano di roccia che segnala il punto più alto su cui il castello è costruito. A lato dell’ingresso una pavimentazione in vetro protegge la sottostante volta crollata su cui doveva aprirsi la botola di accesso alla segreta. A nord si noti anche il foro di alimentazione della stufa direttamente collegato al focolare della cucina. La grande finestra di affaccio offre una straordinaria visuale sulla vallata agordina con sullo sfondo le rocce ove era costruita la Rocca di Pietore. All’interno della camera sono alloggiati due modelli che illustrano il territorio circostante, i confini, i percorsi e i luoghi di maggior rilievo per le vicende del castello e della sua storia.

Camera-del-capitanoCamera del capitano 1
Camera del capitano 2Camera del capitano 3
CASTELLO DI ANDRAZ
logo-comune-livinalongo-del-col-di-lana
Località Castello
39030 Livinallongo del Col di Lana
(BL) - Italy

T +39 334 33 46 680
info@castellodiandraz.it
transmuseuminterreg-4arabbaseguicisufacebook
© Castello di Andraz
|
|
produced byproduced by